Aperitivo culturale al museo di Oristano.

I sapori della nostra Sardegna. 

Il 16 luglio l'Antiquarium Arborense, il museo archeologico e storico di Oristano, nell'ambito del terzo appuntamento degli aperitivi culturali, ha ospitato nei suoi giardini la presentazione del libro Giallo Sardo, ed. Piemme, durante la quale i presenti hanno potuto gustare un aperitivo che abbiamo realizzato con i prodotti Cuore dell'Isola, linea di prodotti che valorizza e promuove centinaia di bontà sarde a sostegno delle filiere locali. 

 

Incontrarsi nel rispetto delle regole anti Covid 

Gli incontri culturali come questo si son resi di nuovo possibili solo perché si realizzano seguendo le regole del buon senso e nel pieno rispetto che le normative anti contagio impongono: ingressi contingentati, distanziamento e mascherine. 

Così è stato e i relatori Francesco Abate e il collettivo Elias Mandreu, Mauro e Andrea Pusceddu con Andrea Annicchiarico, solo alcuni degli autori sardi che firmano Giallo Sardo un successo estivo del 2020, concertati dal giornalista Jimmy Spiga, hanno potuto intrattenere il pubblico con le curiosità sulle trame che intrecciano fili gialli e noir tra le vite di personaggi che si agitano nel torbido tra gli scenari più vari della nostra Sardegna. 

  

Un aperitivo sardo al 100% 

Accolti dalla Fondazione Oristano nella persona del prof. Raimondo Zucca, i convenuti, divisi in piccoli gruppi, hanno ascoltato storie e intrighi comodamente seduti ai tavoli assegnati. Una serata di eccellenze letterarie alla quale non potevamo che accostare un delizioso rinfresco realizzato esclusivamente con alcune delle tipicità 100% sarde del nostro brand Cuore dell'Isola. Tra queste eccellenze, servite in piatti monouso compostabili a tutela dell'ambiente, hanno trionfato i sapori della nostra terra: il pane carasau di grano duro, le olive verdi e la salsiccia classica di Cagliari e tre tipi di formaggio di Gergei e della provincia di Oristano. Il tutto accompagnato da un buon bicchiere di vino: un fresco Vermentino DOC di Alghero o un più robusto Cannonau.