Centro Cash vicina alla ristorazione.

In un periodo così difficile e sofferente il Centro Cash non è rimasto indifferente alle ultime vicende accadute in Sardegna, infatti, nonostante anche l’insegna sia stata colpita dai provvedimenti presi dal Governo nella giornata del 22 gennaio 2021, ha deciso di compiere un gesto di solidarietà nei confronti dei ristoratori che sono stati costretti a chiudere i propri locali dalla domenica del 24 gennaio. Il passaggio dalla zona gialla alla zona arancione ha provocato grosse perdite per coloro che hanno effettuato gli acquisti nella giornata del 22.

Il Centro Cash, in aiuto ai propri clienti, ha organizzato un’iniziativa che prevede l’erogazione di buoni sconto del valore pari al 20% degli acquisti effettuati dai ristoratori nella giornata del 22 gennaio nei reparti altamente deperibili quali Freschi, Ortofrutta, Pesce, Macelleria. Tutti coloro che hanno deciso di chiudere il proprio locale per tutto il periodo in cui la Sardegna si troverà in zona arancione avranno la possibilità di usufruire dei buoni sconto quando riapriranno.

Un importante gesto che trasmette il senso di collettività e solidarietà che distingue il Centro Cash, che anche durante il primo lockdown ha organizzato l'iniziativa “Il buono a tavola”, pensato per supportare il mondo della ristorazione sarda.

  

Ripartiamo insieme.

“Abbiamo deciso di intervenire prontamente anche per comunicare ai nostri ristoratori che non sono soli” afferma Giorgio Annis Amministratore Delegato di Centro Cash, “il venerdì rappresenta il giorno di punta per gli acquisti in vista del weekend e quello che è successo non ha fatto altro che aggiungere ulteriori disagi ad un settore che è già allo stremo”.

Per il nostro Gruppo è importante collaborare con la comunità e compiere dei gesti concreti, utili a trasformare i disagi e le difficoltà in occasioni di unione e condivisione. Crediamo che in un periodo delicato come quello che stiamo vivendo sia fondamentale aiutarsi per ripartire insieme, più forti.